PREMIO CUCINA AGEROLESE 2002

 

 

Finalità

1.      Promuovere una migliore conoscenza della cucina tradizionale agerolese, tanto tra gli abitanti quanto e soprattutto tra gli addetti alla ristorazione.

2.      Dar modo all’Istituto Alberghiero di dare un qualificato contributo allo sviluppo turistico di Agerola attraverso il miglioramento dell’offerta di piatti tipici.

 

Sezioni e sotto-sezioni del concorso

Il Concorso si articola nelle seguenti sezioni:

 

A -Fedele interpretazione di ricette tradizionali già note.

B –Rivisitazione originale di piatti tradizionali

C -Creazione di nuovi piatti che valorizzino prodotti tipici della zona

            D –Ricerca di notizie sulle antiche ricette e sugli usi culinari.

 

Le Sezioni A e B sono riservate agli operatori del settore ristorazione (cuochi di alberghi, ristoranti e aziende agrituristiche operanti ad Agerola). Si prevedono le seguenti sotto-sezioni, ognuna  con suoi premi: A1/B1=Primi piatti; A2/B2 = Secondi piatti; A3/B3 = Dolci e dessert. Ogni iscritto può partecipare ad una sola Sotto-sezione*.

 

La Sezione C è riservata agli allievi dell’Istituto Alberghiero frequentanti la sezione di Agerola (solo quelli dell’ultimo anno?). Per l’edizione 2002 si invita a valorizzare soprattutto: la farina di segala, le verdure locali; noci e castagne; varietà locali di pere e mele; i salumi agerolesi; le erbe aromatiche dei nostri monti. Si prevedono le seguenti sotto-sezioni, ognuna con suoi premi: C1 = Primi piatti; C2 = Secondi piatti; C3 = Dolci e dessert. Ogni allievo può iscriversi con un solo piatto.

 

 

La Sezione D è riservata ai ragazzi ed ai giovani di Agerola. Essa prevede la presentazione di testi riportanti notizie ricavate da fonti testuali e/o da interviste a persone anziane. Sono previsti premi per diverse categorie di partecipanti: D1 = alunni delle Scuole Elementari; D2 = studenti delle Scuole Medie inferiori; D3 = studenti delle Medie superiori; D4 = studenti universitari.

 

Premi

Circa il numero ed il tipo di premi da assegnare si potrà decidere se dare 1 o più premi per ogni sotto-sezione, se aggiungere ai premi delle menzioni d’onore per  particolari meriti (ad es. per una ricetta molto valida anche se non eseguita così bene da entrare tra quelle premiate). I premi possono consistere anche solo in Diplomi (con eventuale medaglie allegate), ma se ci saranno contributi dai patrocinanti o da sponsor si potrà aggiungere    ai diploma delle coppe, dei libri di cucina o dei premi in denaro. E’ bene che ad ogni partecipante venga comunque rilasciato un attestato di partecipazione.

 

 

Modalità di svolgimento

 

a)      Parte comune.

Raccolta la disponibilità dell’Istituto Alberghiero, il patrocinio del Comune di Agerola, della Pro-Loco e di altri enti/associazioni interessate, si dovrà rifinire il bando-regolamento e decidere la composizione del Comitato Organizzatore e delle  Giurie (una per le Sezioni A,B,C ed una per la Sezione D).

Entro la primavera si pubblicherà il Bando, pubblicizzandolo con manifesti e tramite articoli su Agerola Informa, su GxGiornale (organo di Lavori in corso) e su altri giornali locali. Vedi bozza di bando in calce.

Per la visibilità dell’intervento, è  importante che le fasi finali della manifestazione (Mostra relativa alla Sezione D e premiazione dei piatti) siano inserite nel programma Luna d’Agerola e pubblicizzate in anticipo via Internet, a mezzo stampa e tramite emittenti radio-televisive.

 

b) Prosieguo per le Sezioni A, B e C:

Raccolte le iscrizioni  e verificatane la validità, la Commissione Organizzatrice, di intesa con la Giuria delle Sezioni in questione, inviterà gli iscritti a presentarsi ad una certa data ed ora presso l’Istituto Alberghiero per eseguire e far assaggiare il piatto. Questa fase dovrebbe svolgersi al più tardi ad inizio settembre. In base al numero di iscritti a ciascuna sotto-sezione, le prove saranno suddivise su un certo numero di giorni.

Durante le esecuzioni saranno effettuate riprese fotografiche utili per la mostra finale (vedi oltre). Le valutazioni dei singoli giurati saranno riportati in apposite schede e altrettanto avverrà per le valutazioni colleggiali. Finiti i lavori la Giuria compilerà le graduatorie di sotto-sezione e deciderà a chi assegnare i premi (stilando le relative motivazioni).

            Intorno a metà settembre, preferibilmente durante un week-end e/o in abbinamento con una delle feste di piazza, si terrà la premiazione dei vincitori.

Se si raggiunge preliminarmente un accordo in tal senso con ristoranti, alberghi ed agriturismo (ci stiamo lavorando), si unirà alla premiazione una o più Giornate della Cucina Tipica Agerolese, che –adeguatamente pubblicizzate sui mass media- daranno a tutti la possibilità di assaggiare i piatti tradizionali (premiati o meno che siano) presso i locali pubblici.

 

c) Prosieguo per la Sezione D:

Scaduto il termine entro il quale vanno presentati gli elaborati in concorso, la Giuria si riunisce una o più volte e provvede a leggerli ed a valutarli collegialmente, stilando graduatorie di merito per ciascuna sotto-sezione. Oltre a decidere a chi assegnare i premi, la giuria provvede a selezionare un ampio numero di elaborati giudicati comunque interessanti.

Ad agosto, si effettuerà la pubblica premiazione dei vincitori e sarà inaugurata (presso la Pro Loco o in altro spazio idoneo) la mostra degli elaborati giudicati interessanti. Tale mostra sarà curata dai soci di  “Lavori in corso” che provvederanno a ribattere i testi, ingrandirli e corredarli di note di commento/integrazione ed illustrazioni in tema.

 

Giurie

Si prevedono due giurie: una per le Sezioni A, B e C ed una per la Sezione D.

Docenti dell’IPSAR dovrebbero essere presenti in entrambe, ma a maggior ragione nella prima giuria.

Altri membri potranno essere : un rappresentante dell’Amministrazione comunale che sia competente del settore; un giornalista che si occupi di ristorazione o di turismo gastronomico; qualche famoso cuoco campano (si attendono suggerimenti dall’IPSAR). Per la Sezione D si spera di avere  in giuria anche il prof. G. Gargano, esperto di storia locale del Centro di Soria e Cultura di Amalfi, nonché docenti delle scuole elementari e medie di Agerola. 

 

Comitato organizzatore e fondi

Il Comitato sarà formato da rappresentanti dell’IPSAR, del Comune, della Pro-Loco e di Lavori in corso. Ad esso farà capo un gruppo di giovani di quest’ultima  Associazione, che si dedicherà alla segreteria ed alla logistica del concorso.

Se l’IPSAR potrà garantire l’uso dei suoi locali e se i premi saranno solo dei diplomi, le poche spese necessarie al concorso saranno coperte con le tasse di iscrizione alle Sezioni A e B (orientativamente 10 Euro a partecipante) e da contributi da parte del Comune. 

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Cucina!. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...