‘o spurtiglione

Nel nostro dialetto (ma credo che sia lo stesso a Napoli) il pipistrello si chiama spertiglione o spurtiglione. Come mai? Anche stavolta, come in tanti altri casi, la ricerca etimologica ci riporta all’antichità latina. In latino, infatti,  pipistrello era vespertilĭo (-onis), da vesper = sera e motivazione legata al fatto che è di sera, al vespero, che tali mammiferi volanti escono dalle tane e si fanno vedere. Nel latino volgare il termine divenne poi vespertellus; che a sua volta generò “pipitrello” passando per l’italiano antico vi(s)pistrello. Da noi, invece, l’evoluzione sembra essere stata un’altra: da vespertilĭonis a vespertillione e infine (per caduta del ve iniziale e cambio della doppia elle in gl) a  spertiglione.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Voci del nostro dialetto. Contrassegna il permalink.

Una risposta a ‘o spurtiglione

  1. giacomo ha detto:

    Sono un appassionato della lingua napoletana,e anch’io mi chiedevo la stessa cosa.
    La tua ricerca mi sembra giusta, come hai fatto? BRAVO.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...