Alcuni toponimi legati a cognomi agerolesi del Medio Evo

Nell’articolo “Alcuni agerolei del Medio Evo” (12/02/2010) ho presentato i nomi di nostri antichi conterranei (secoli tra il X e il XV) che riultano dagli atti notarili del cosiddetto Codice Perris. Attingendo a quell’elenco, voglio ora presentare alcune riflessioni circa i legami intercorsi tra antroponimia (nomi delle persone) e toponomatica (nome dei luoghi) nel nostro territorio.

 

I cognomi di quell’elenco che trovano (o trovavano)  un riflesso nella toponomastica agerolese sono: de Butaplo / Avitabile; Caucella, Canella,  de Casenova / Casanova, Cazzano, Coctia / Coccia, de Campulo / Acampora, Gallo, de Longeo / Luongo,  Nauclerio / Naclerio, de Positano, Rocco / Ruocco, de Rosa e Villani.

 

E’ ben noto che le famiglie Coccia, Naclerio, de Positano e de Rosa hanno dato origine a dei toponimi del tipo Case Coccia, Case Naclerio, Case Luongo, eccetera, laddove si concentravano le case ed i fondi pertinenziali di quelle famiglie. A questa categoria appartengono anche dei casi legati a cognomi che non emergono dal Codice Perris (ad esempio: Case Milano) e che non sono necessariamente da considerare più recenti, visto che quel cartulario  -per quanto ricco- raccoglie solo atti riguardanti proprietà e persone che ebbero a che fare col Monastero di S. Lorenzo. Circa il toponimo legato ai  de Positano (una zona tra Campora e Ponte) devo ricordare come esso sia tato per molto tempo corrotto in Case Pastiano.

 

Una forma più antica di toponimi connessi a famiglie proprietarie è quella del tipo che inizia con le preposizioni Li o Alli  (oggi diremo: I o Ai), cui segue il cognome al plurale. Abbiamo così avuto Li Galli (ancora in uso per la periferia nord di Memoranum / Bomerano, sulla via per il valico della Crocella), Li Villani (periferia nord-orientale di Bomerano) e Alli Rocti (forse tra Bomerano-centro e Madonna de lu Rito, alias “del Dito” e non “di Loreto” come erroneamente traslitterato). Per inciso, faccio notare come le preposizioni Li e Alli siano di recente scomparse dalla toponomastica ufficiale e scritta di Agerola, mentre nel parlato locale ancora si usano (sebbene un pò corrotte) ed il vicino Comune di Furore abbia ufficialmente rilanciato in forma originaria alcuni toponimi simili (ad esempio: Li Porpore).

 

Altri toponimi che usano nomi di antiche famiglie agerolesi, senza né preposizione né suffissi, sono quelli di Caucella, Canella e Cazzano. Circa i Caucella segnalo che la presenza di questa famiglia è attestata ad Amalfi (inizialmente come Caugella) fin dal decimo secolo, come documenta Giuseppe Gargano sul n.33/34 della Rassegna del Centro di Cultura e toria Amalfitna. Da una corruzione del cognome Canella è quasi certamente nato il toponimo Caneglia, che indica una zona di S. Lazzaro  immediatamente a sud di quella de Li Scialli (a sua volta legato ad un antico cognome). Circa i Cazzano, essi hanno dato il nome a due località agerolesi: una a Pianillo ed una a Campora.

 

Un caso, per così dire,  inverso (rispetto a quello che vede un toponimo nascere da un  cognome) è quello dei “de Casanova”. Similmente ai de Positano, de Ravello, de Vinetia (Venezia), Pisano e Amalfitano, il cognome in questione indica che la famiglia proviene dal luogo detto  Casanova. Questo era uno dei due casali che componevano Furore (Marina Furoris et Casenove) quando –nell’alto medioevo- quella terra era considerata pertinenza di Amalfi (vedi M. Camera “Memorie Storico-diplomatiche…” pagina 565).

 

Alla stessa categoria dei cognomi nati da un toponimo (luogo di origine della famiglia) appartinene  Acampora, che inizialmente era de Campulo. Come è ben noto, Campulum / Campulo è l’antico nome della frazione di Agerola che oggi chiamiamo Campora; dove ancora oggi i concentrano le case e le proprietà deli Acampora.

 

Per ultimo lascio il caso del cognome A  vitabile, che in antico era “de Butaplo”. Da un documento del 1182 presente nel Codice Perris risulta che  vi era una zona di Agerola detta “ad Butaplo”. Dato che tale toponimo non è nella forma Li (o Alli) Butaplo,  che –come si è visto- caratterizza i toponimi nati da cognomi, vi è da sospettare che qui si sia in presenza di un altro caso di cognome nato dal toponimo di prima residenza. Qualora confermato da future indagini, potremo –quindi- dire che la famiglia  Avitabile (oggi ampiamente diffusa) sia nata proprio qui ad Agerola.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...