NATALE CON I TUOI …CANTI E SANTI

Buon Natale a tutti voi lettori, abituali od occasionali!

In questa sera di vigilia voglio raccontarvi qualcosa su Alfonso Maria de’ Liguori e dei suoi stretti legami con i nostri Monti Lattari.

Innanzitutto riporto i testi dei suoi due celebri canti natalizi: la stupenda “Quanno nascette o Ninno”  e la sua abbreviata versione in italiano) “Tu scendi dalle stelle”

 

 

QUANNO NASCETTE O NINNO

 

Quanno nascette o Ninno a Betlemme,
era nott’ e pareva miezo juorno.
Maje le stelle-lustre e belle
se vedèttero accossí:
e ‘a cchiù lucente,
jette a chiammà li Magge a ll’Uriente.

De pressa se scetajeno l’aucielle
cantanno de na forma tutta nova:
Pe’ nsi’ ‘agrille-co’ li strille,
e zombanno ‘a ccá e ‘a llá:
È nato! È nato!
decévano – lo Dio che nce ha criato! –

Co’ tutto ch’era vierno, Ninno bello,
nascettero a migliara rose e sciure
Pe’ nsi’ ‘o ffieno sicco e tuosto,
che fuje puosto – sott’a te,
se ‘nfigliulette
e de frunnelle e sciure se vestette

A no paese che se chiamma Ngadde,
sciurettero le bignè e ascette ll’uva.
Ninno mio sapuretiello,
rappusciello – d’uva si’ Tu
ca, tutt’ammore,
faje doce ‘a vocca e po’ ‘mbriache ‘e core.

No nc’ cerano nnemmice pe la terra,
la pecora pasceva co lione;
co o crapette – se vedette
o liupardo pazzeà;
l’urzo o vitiello,
E co lo lupo ‘n pace o pecoriello.

Se rrevotaje ‘n somma tutt’ o Munno,
lu cielo, a terra, o mare, e tutt’ i gente.
Chi dormeva – se senteva
‘npiett’ o core a pazzeà;
pe la priezza,
E se sonnava pace e contentezza.

Guardavano le ppecore i Pasturi,
e n’ Angelo sbrannete cchiù d’o sole.
Comparette – e le dicette:
no ve spaventate no;
contento e riso:
la terra è arreventata Paraviso.

A buie è nato ogge a Bettalemme
du munno l’aspettato Sarvatore.
dint’ i panni o trovarrite,
nu nipote – maje sgarrà,
arravugliato,
e dinto a lo Presebbio curicato.

A meliune l’Angiule calate
co chiste se mettenten’ a cantare:
Gloria a Dio, pace ‘n terra,
nu cchiù guerra – è nato già
lo Rre d’amore,
che dà priezza e pace a ogni core.

Sbatteva o core mpietto a ssi Pasture;
e l’uno ‘n faccia all’auto diceva:
che tardammo? – Priesto, jammo,
Ca mme sento scevolì
pe lo golìo
che tengo de vedé sso Ninno Dio.

Zombanno, comm’a cierve ferute,
correttero i Pasture a la Capanna;
là trovajeno Maria
co Giuseppe e a iogia mia;
e ‘n chillo Viso
Provaieno no muorzo e Paraviso.

Restajeno ‘ncantare a boccapierte
pe tanto tiempo senza dì parola;
Po jetanno – lacremanno
nu suspiro pe sfocà,
da dint’ o core
Cacciajeno a migliaia atte d’amore.

Co a scusa de donare li presiente
se jetteno azzeccanno chiano chiano.
Ninno no li refiutaje,
l’azzettaje – comm’ a dì,
ca lle mettette
le mmanne ‘n capo e li benedicette.

Piglianno confedenzia a poco a poco,
cercajeno licenza a la Mamma:
se mangiajeno li pedille
coi vasille – mprimmo, e po’
chelle mannelle,
all’urtemo lo musso ei maschiarelle.

Po’ assieme se mettettero a sonare
e a cantá co’ ll’Angiule e Maria,
co’ na voce – accossí doce,
che Gesù facette: a aa…
E po’ chiudette
chill’uocchie aggraziate e s’addurmette.

“Viene suonno da lu cielo,
viene adduorme a sto Nennillo;
pe pietá ch’è piccerillo,
viene suonno e non tardá.

Gioja bella de sto core,
vorría suonno arreventare,
doce, doce pe’ te fare
ss’uocchie bell’ addormentá.

Ma si Tu, p’esser’ amato
Te si’ fatto Bammeniello,
Sulo Ammore è o sonnariello
che dormire Te pò fá

Ment’è chesto può fa nonna
pe Te st’arma è arza e bona
T’amo t’a…Uh, sta canzona
giá t’ha fatto addobbeá!”

T’amo Dio, bello mio
t’amo Gioja, t’amo, t’a’

Lo ‘nfierno solamente e i peccature
‘ncocciuse comm’a isso e ostinate
se mettettero appaura,
pecché a scura – vonno stá
li spurtagliune,
fujenno da lu sole, li briccune.

Io pure sóngo niro peccatore,
ma non boglio èsse cuoccio e ostinato.
Io non boglio cchiù peccare,
voglio amare – voglio stá
co Ninno bello
comme nce sta lo voje e l’aseniello.
Io non boglio cchiù peccare
voglio amare, voglio stá
co’ Ninno bello
comme nce sta lo voje e ll’aseniello

A buje, uocchie mieje, doje fontane
avite a fá, de lacreme, chiagnenno
pe’ lavare – pe’ scarfare
li pedilli de Giesù;
chisá, pracato
decesse: Via, ca t’aggio perdonato.

Viato a me si aggio ‘sta fortuna!
Che maje pozzo cchiù desiderare?
O Maria – speranza mia
ment’io chiagno, prega tu:
penza ca pure
sì fatta mamma de li peccature.

 

 

 

TTU SCENDI DALLE STELLE

 

u scendi dalle stelle,

o Re del Cielo,

e vieni in una grotta,

al freddo al gelo.

O bambino, mio divino

io ti vedo qui a tremar,

o Dio beato

Ahi, quanto ti costò

l’avermi amato!

A te, che sei del mondo

il Creatore,

mancano panni e fuoco,

o mio Signore!

Caro eletto pargoletto,

quanto questa povertà

più m’innamora!

Giacché ti fece amor,

povero ancora!

 

Alfonso Maria de’ Liguori nacque a Napoli da nobile famiglia nel 1696  Laureatosi in Diritto civile e canonico a soli 16 anni, si avviò con successo alla carriera giudica. Ma si sentì chiamato da Dio e nel 1726  fu  ordinato sacerdote.

A 36 anni si trasferì a Scala (Sa)  e poi a Liberi (Ce) fondandovi i primi monasteri  della sua Congregazione del Santissimo Redentore, approvata nel 1749 da papa Benedetto XIV. Nel 1762 fu nominato vescovo di S. Agata dei Goti . Colpito da una grave forma di artrite, lasciò quella cattedra nel 1775 e passò gli ultimi anni della sua vita nella casa dei Redentoristi di Pagani , dove morì nel 1787.

Nel 1839 fu proclamato santo e nel 1871, in considerazione dei suoi studi e dei suoi trattati di teologia,fu dichiarato anche Dottore della Chiesa. Inoltre, Pio XII nel 1950 lo dichiarò “celeste Patrono di tutti i confessori e moralisti”.

Sant’Alfonso de’ Liguori ricorre il 1º agosto e l’urna col suo corpo  si trova nell’omonima basilica di Pagani.

 

Passando da questa biografia sommaria a qualcosa di più specifico -riguardo  ai rapporti di Sant’Alfonso con i Monti Lattari,  riporto una sintesi di quanto scrive   Rita di Lieto sul numero 4 (ottobre 2013) del periodico Comunicando, riferendo del  convegno “Ravello nel Settecento. Chiesa, società e istituzioni” (23 e 24 luglio 2013) e, in particolare, dell’intervento di Mons. Giuseppe Imparato,volto a ricostruire la biografia del  sacerdote amalfitano Giuseppe Pansa (1699 – 1780).

Noto per aver dato alle stampe l’importante opera dello zio Francesco Maria “Istoria dell’antica Repubblica di Amalfi”, don Giuseppe Pansa fu il promotore della sopracitata venuta a Scala di Alfonso Maria de’ Liguori , da lui conosciuto e frequentato a  Napoli nel periodo  1723-1730 , mentre frequentava la facoltà di Giurisprudenza. I due alloggiavano al Collegio dei Cinesi (poi Istituto Orientale)  e frequentavano insieme l’Accademia Teologica.

 

Nel maggio 1730 Alfonso aveva bisogno di una vacanza ristoratrice e don Giuseppe lo invitò in Costa d’Amalfi. L’invito fu accolto e ad Alfonso si unirono anche altri cinque sacerdoti . Presso la Curia Arcivescovile di Amalfi conobbero il vicario generale di Scala, don Angelo Criscuolo che  disse loro: “Perchè non venite a Santa Maria dei Monti sopra Scala, un luogo più elevato e perciò più salutare?  Lassù vi è  UN EREMITAGGIO CON SUFFICIENTE ABITAZIONE,  potreste riposare e anche fare del bene a tanti poveri caprai che vi dimorano e vivono abbandonati”.

Il gruppetto napoletano accettò quell’invito e per Mons. Imparato quella esperienza fu preparatoria alla creazione della Congregazione del SS. Redentore; cosa chee Alfonso farà nel 1732.

Da altre fonti si apprende che Sant’Alfonso veniva spesso a predicare e confessare ad Agerola (facilmente raggiungibile da S. Maria dei Monti per  la medievale mulattiera dell’Imbarrata).

Va anche ricordato che don Giuseppe Pansa, dopo essere stato parroco di Pogerola, nel mese di novembre del 1735 fu nominato parroco dell’agerolese chiesa di S. Maria la Manna, dove rimase fino al 1779 (1).

 

Tutto ciò  dovrebbe indurci a sentire particolarmente”nostri”   i due canti natalizi che ho sopra riportato. Dopo tutto il paesaggio che si svolge tra le cime dei Lattari e la Costa d’Amalfi è proprio un …presepe naturale (vedi aderenza ad esso della “montagne” del presepe napoletano del ì700) e i le scene di pastorizia che Alfonso vide  sui monti tra Scala e Agerola stavano certamente nella sua mente e nel suo cuore mentre componeva quei magnifici versi.

Varrebbe davvero la pena di inserire stabilmente l’esecuzione di Quanno nascette o Ninno in una delle manifestazioni di fine d’anno che teniamo ad Agerola!

 

 

 

NOTE:

1) – Nel 1774, a causa dell’età avanzata e della salute malferma, gli fu assegnato come collaboratore l’agerolese don Giuseppe Pisacane, mentre  due anni dopo riceverò l’aiuto di un Coadiutore ed Economo nella persona di  don Ferdinando Fus

Advertisements
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...