‘O vallurina 

In un articolo  che pubblicai su questo blog trattai dell’origine di tre interessanti vocaboli del lessico agricolo (e alimentare) agerolese: Graurinnia, Figuriniriniea e Ssurecenignia, corrispondenti rispettivamente a “Granturco, Mais”, “Fico d’India” e “Cavia domestica”. Come si comprende più facilmente dal secondo (Figurinia), contengono tutti e tre la specificazione d’origine geografica “d’India”, che nel dialetto è  diventata –r’India > -rinnia > -rignia.  Come già scrissi, la cosa si giustifica col fatto che  trattasi di specie biologiche che furono importate dalle Americhe, ossia da quelle lontane terre oltre oceano che Cristoforo Colombo credette essere parte del continente indiano e che furono a lungo dette Indie Occidentali.

Oggi torno rapidamente sull’argomento per ricordare che abbiamo un quarto termine di quella serie, ed è Vallurinia.

Istruiti oramai dai tre casi precedenti, anche i lettori meno esperti sapranno arguire che Vallurinia (con ultima vocale indefinita, come capita spessissimo in napoletano) sta per Gallo d’India, visto che da noi o vallo è “il gallo” (per permutazione g-v). Ma qui vale la pena di aprire una parentesi per dire che non tutta Agerola chiama il gallo vallo: quelli del casale di S. Lazzaro lo chiamano jallo. Mette tutti d’accordo, invece, la gallina, che tutti chiamano jallina!

Tacchino

Tornando sul punto, resta solamente da svelare quale sia il gallinaceo che chiamiamo vallurina (“Gallo d’India”). Ebbene, trattasi del tacchino; il quale è effettivamente un pennuto di origine indiana, ma nel senso di cui sopra (e degli “indiani” dei film western), essendo stato  introdotto in Europa –a partire dal secolo XVI- dall’America centro-settentrionale.

 Per chiudere voglio ricordare che anche nel francese il tacchino ha un nome che allude all’India: Dindon in  Zoologia e Dinde nel linguaggio culinario. Colta la saldatura (ex apostrofo) tra D preposizione e Inde (“India”), trattasi di una sorta di aggettivo sostantivato che sottintende Coq (“gallo”). E l’amico padovano Massimo Quadro mi dice che anche nel Veneto il tacchino si chiama dindio. Per l’italiano tacchino, invece, l’origine sembra essere stata di ordine onomatopeico, attingendo  il suono t..c.. dal verso dell’animale.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Voci del nostro dialetto e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...