LA LEGGENDA DI SAN MICHELE, IL DIAVOLO E L’ACQUA SANTA

Quella che segue è una versione (da me sceneggiata[1]) di un leggenda popolare che mi fu raccontata ad Agerola negli anni settanta e che trova raffronto in legende analoghe di altre parti d’Italia, sempre in aree dove è forte il culto micaelico e dove –come è pressoché norma- si trova una grotta cui il nome del santo Arcangelo si lega.

 ‘O CUNTO DO RIAVOLO, SANT’ANGELO E  L’ACQUA SANTA.

Cuntavano e viecchie antichi ca tantu, tantu tiempo fa, ‘ncoppe ‘o Monte, dinte a ‘rotta ‘e l’Acqua Santa (ca tanne era assaie cchiù ‘rossa ‘e mò), ce s’era miso ‘e casa ‘o Remmonio[2].

Era nu guaio ‘ruosso! Pecchè isso jeve tentano e facenne rispiette a tutte e crestiane ‘e Jerola, Pimonte e Pusitano. E nisciuno era capace ‘e n’o caccià ‘a la dinto a chillu tristo!, dato che isso ce faceva trasere suo a chi s’era già miso da parta soia.

Nu bell juorne, però  –forse pecché era ‘ntiseo e lamiemte e tanti poveri cristiani-  arrivaie ‘a chesti parte Sant’Agnelo, ca po’ fosse l’Arcangelo Santu Michele.

Sant’Agnelo se travestette ‘a capraro e cu n’ammorra ‘e capre se mettette cu pacienza a giriià pé poste chià sperdute de muntagne noste: doa ‘oRumagne à ‘o Cuollo de Vene, da Paipo, a o Campe ‘e Jalle; sempe sule, pe’ ghiuorne e ghiuorne, speranno ca primme o roppe ‘o Remmonio ‘o vedeve e ‘o veneva a tentà.

Comme infatte, roppe quacche juorno chillu malecriato ‘o vedette e –appurato ca ‘o pastore nun purtave ‘ncuollo né croce, né abbetiello- l’accumparette annanze e ce dicette:

Oi pasturiè, tu si nu bellu e prunto guaglione, ma comme staie

‘nguaiato cu ìsti quatte capre arrettecute e sti pezze stracciate ‘ncuollo! Miettete cummico; vinneme l’anema, ca te conviene! Iio so potente e ricco assaie,  e pozzo arricchì tento pure a te. Nun ce crire, che? Allora viene a vedè i’nt’a grotta mia quante ricchezze e bllezze aggio accugliute.

Una veduta della grotta con sorgente, detta dell' Acqua santa. Foto M. Cuomo dal sito www.liberoricercatore.it

Una veduta della grotta con sorgente, detta dell’ Acqua santa.
Foto M. Cuomo dal sito http://www.liberoricercatore.it

A ‘sti parole, Sant’Agnelo primma se ne stette nu poco penseriuso, pe fa avveré faceva ìo pare e spare- Po’ ‘ntrasatte s’aizaie allerta e …“Mbè, jamme a verè sti gran ricchezze!”  ce rispunnette.

Accusì, s’avviareno; uno annanze e n’ato arrete. Quanne arrivareno ‘e parte do Scalandrone, a ‘o Riavolo ce venette nu suspetto e, girannese verso ‘o pasturiello, ce dicette:

 Ngiulì  (accussì c’era ditto ca se chiamava), mò stamme p’arriva à reggia mia. Ma prime e te fa trasere m’ha fa nu giuramente ‘ncoppe a chelle ca tu tiene chiù caro; giurame ca là dinto tu mai te farrai a ‘roce, pecchè a me me dà nu poco fastirio.

 Se, se! Nu poco fastirio! Ma iamme annanze co’ cunto.

T’o giuro ‘ncoppe a mammema, muglierema e e figlie mie! Rispunnette subbeto Sant’Agnelo. E ‘o Remmonio, sentennese ò sicuro, o purtaie annante à ‘rotta. Cu na parola affatata facette spustà nu pescone ca ‘nserrava a porta e subbeto se vedette nu gran splendore ascì a là dinto.

Trasettero e pareva overo na casa e Re! Tappete ‘e seta affiorata, lampadarie d’oro e argiento, mobbele ‘mtarsiate e durate, pitture e grande artisti  ‘mbacce ‘e mure e -pe terra- tanti cascw, caniste e sporte chine ‘e brillante e marenghi d’ore. ‘Nsomma, overamente nu bene e Dio, si se putesse dicere accussì, pe robba do Remmonio!

A penzà ca te puteva attuccà pure sulo nu friculo ‘e chelli ricchezze, chi nun avesse vennuta l’anema a ‘o Riavolo?! Ma Sant’Agnelo nun ce pensava proprio. Ma pure facette a ‘ntennere ‘o contrario, girannese attuorno cull’uocchie splancate, ca pareva o pastore d’a meraviglia dint’o Presebbio.

Ma ‘ncapo a isso pensava: “Chisto è o mumento! Mò l’aggia fa ‘o servizio a stu curnuto!”

Se girai n’atu poco attuorne cu chell’aria e maraviglia e po’ dicette:

Mamma mia, che gran ricchezza! Penzo ca nisciuno re e ‘mperatore ò munno n’ha mai viste tante! Ma, si permettite, veco pure nuuu poche ‘e arrevuoto ca certamente nunn ’è degno ‘e vuie! Tante pè dicere: … chella bella specchiera ‘a là abbascio ‘a spustassse ccà. E  chillu trono ‘ndurato là o spustasse a chill’atto.

E dicenne sti parole, cu ‘o vraccio allungato e ‘o dito puntato mustaie ‘e spustamente ca diceva, faccemme na bella ‘roce ìnt’a l’aria.

 A chella mossa, subbeto ‘o Riavolo se sentette ‘e murì. Se sentette ‘ncuorpo mille vote ‘o fuoco ca ca carcarea all’ Inferno e, comme a na saietta, currette fore alluccanno comme a comme a che.

Facette tre zumpe ‘a na montagna a n’ata e se menaie a mare. I

Into ‘o stesso mumento, sparette tutte cose a dinto a ‘rotta, ca se ne carette meza. Sant’Agnelo allora ripigliaie e veste soie, tiraie fora a spada e, ‘nfizzannela int’a preta, facette accumparè chella surgente ca oggi nuie chiamammo ‘e l’Acqua Santa.

E finacchè chell’acqua scorrarà fresca e pulita, nun c’è pericolo ca o Riavolo ce torna a chesti parte.

Mbè guagliù, v’’è piaciuto stu cunto? Comme dicite? Ca ve piace, ma nun ce crerite che overe fuie? Allora iate a da n’amico ca conosce buona ‘sti muntagne; v’ccumpagnarrà a vedè ‘e segne ca ‘o Remmonio lasciaie zumpanne dint’a preta; chelle ca chiammamme e Ciampate ro Riavolo.

Note a margine:

ll legame tra culto di S. Michele e l’elemento grotta (e/o cima di monte) è moto diffuso in Italia e in Europa. Caso celeberrimo è quello della grotta di Monte S. Angelo nel Gargano. Alla diffusione del culto in Italia contribuirono molto  i Longobardi, che -convertitisi al cristianesimo nel VII secolo- scelsero San Michele Arcangelo come loro santo patrono, per via della somiglianza iconografica col loro Odino.

Due antiche raffigurazioni di S. Michele e Odino. Si notino le analogie iconografiche:entrambi angeli guerrieri.

Due antiche raffigurazioni di S. Michele e Odino. Si notino le analogie iconografiche:entrambi angeli guerrieri.

ODINO

Ma quel culto è attestato in Italia anche prima dell’impulso datogli dai Longobardi; tanto è vero che la famosa apparizione dell’Arcangelo che diede origine al santuario di M. S. Angelo sul Gargano data agli ultimi anni del V secolo e –per citare un altro dato famoso- fu nell’anno  590 che, a Roma, papa Gregorio I volle intitolare a S. Michele Arcangelo la ristrutturata Mole Adriana (ex imponente mausoleo), che ora chiamiamo Castel S. Angelo. D’altra parte, la chiesetta eremitica –poi santuario- che S. Catello edificò sul nostro Monte Aureo (oggi M. S. Angelo a Tre Pizzi) dimostra che il culto micaelico fu precoce anche nei territori del Sud Italia che non conobbero la dominazione longobarda (nel nostro caso: ducati bizantini di Sorrento, cui apparteneva Stabia, e di Amalfi).

La grotta con sorgente dell’Acqua Santa si trova quasi in cima al M. S. Angelo a Tre Pizzi, e Sant’Angelo equivale a S. Michele Arcangelo, l’angelo per antonomasia.

In una grotta di quel monte (forse proprio quella dell’Acqua Santa) si ritirarono in romitaggio il monaco Antonino e il vescovo Catello (vissuti nel VII-VIII secolo e divenuti poi santi patroni di Sorrento e di Stabia rispettivamente). A Catello è intitolata, poi, la cima più orientale del Tre Pizzi, quella che incombe più direttamente su Agerola.

Il santuario di S. Michele in cima al M. S. Angelo a Tre Pizzi, come appariva a metà ottocento (dalla voce “Il santuario di S. Michele Arcangelo al Monte Faito”, in Wikipedia).

Il santuario di S. Michele in cima al M. S. Angelo a Tre Pizzi, come appariva a metà ottocento (dalla voce “Il santuario di S. Michele Arcangelo al Monte Faito”, in Wikipedia).

La prima chiesetta dedicata a S. Michele Arcangelo fu eretta proprio dai due sulla cima massima del Tre Pizzi (anticamente detto Monte Aureo). Essa fu inizialmente di legno e poi in muratura.

L’insicurezza recata dal brigantaggio post-unitario fece interrompere la millenaria tradizione dei pellegrinaggi a quell’alpestre  santuario, cui venne anche a mancare la necessaria manutenzione. Così le frequenti gelate e i fulmini lo sgretolarono. Negli anni Trenta del Novecento si decise di ricostruire la chiesa  sul vicino Monte Faito (zona delle antenne RAI), ma –tra eventi bellici e altri contrattempi- il nuovo edificio fu inaugurato solo nel 1950.

Per le ciampate del diavolo ricordo che qualcuno (forse i miei cugini Mario e Rosario Milano) mi portarono a vederne una dalle parti del Colle Sughero, ma troppo tempo è passato (ero adolescente) perché io possa indicare esattamente il posto. Chiedo aiuto ai lettori più pratici dei nostri monti di segnalarci (magari con foto allegata) quella ed altre impronte in roccia che la tradizione attribuisce alle zampe del demonio. Da geologo, proverò poi a dirvi come esattamente sono nate.

[1]  E’ un lavoro che ho fatto durante le festività natalizie, mentre collaboravo con Regina Milo, Rocco Naclerio e altri per organizzare la partecipazione di Agerola all’edizione 2015 della “Giornata nazionale del dialetto” (una lodevole iniziativa della lU.N.P.L.I. di cui potete leggere sul suo sito web). Come dicemmo durante l’evento (il 18 gennaio nella Sala don Gallo) ad Agerola è partito un vasto programma di documentazione e studio del dialetto locale e delle tradizioni che trovano espressione in detti, modi di dire e termini specifici di antiche attività e mestieri (Progetto “Voci e gesti di Agerola”, sponsorizzato dall’Assessorato alla cultura del Comune e diretto dal dott. Antonio Petrossi). Il principale filone di attività del progetto è quello che sfrutta la raccolta di interviste, registrando la viva voce dei parlanti (e siete ancora in tempo a proporvi come inmtervistatori). Ma si può contribuire –come molti hanno già fatto- inviando per iscritto proverbi, filastrocche e cunti.

[2] Mentre chiedo venia per i miei probabili errori nel mettere per iscritto il dialetto (che non è cosa facile), chiarisco che le vocali a fine parola sono quasi sempre mute (da non pronunciarsi), che in parole quali do e dinto (“dello” e “dentro”) ho lasciato la d iniziale solo per rendere comprensibile il senso ai non napoletani, ma nella parlata di Agerola quella d è quasi sistematicamente diventata una r (ro, rinto). Solo per Remmonio e Riavolo ho voluto mettere la R, così da ricordare il fenomeno linguistico. Tra i molti casi di parole …decapitate, ricordo ‘o per “il / lo”, ‘a per “la”, ‘e per “di / della”,  ‘rotta per “grotta” e ‘rossa per “grossa”.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria e contrassegnata con , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...