Archivi tag: Amalfi

Case palazziate, magnifici e nobili viventi dell’Agerola settecentesca. Prima parte.

Scorrendo le pagine del Regio Catasto Onciario di Agerola, finito di compilare nel 1752 [1] si scopre che quasi tutti i nuclei familiari allora presenti ad Agerola erano proprietari della casa in cui abitavano.  Per l’esattezza, su un totale di … Continua a leggere

Pubblicato in architettura, Storia locale | Contrassegnato , , , , , , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

Quando i castagneti da frutto dominavano il paesaggio agrario.

Tra le mille indicazioni che possono trarsi dall’esame del Regio Catasto Onciario di Agerola (compilato nel 1752) una riguarda la distribuzione degli usi del suolo dell’epoca. Esaminando le oltre 400 “rivele” dei capifamiglia, nonché quelle degli enti ecclesiastici (chiese, monasteri … Continua a leggere

Pubblicato in Natura, Storia locale, Tradizioni, Voci del nostro dialetto | Contrassegnato , , , , , , , , , , | Lascia un commento

Una traccia toponomastica medievale parla di una laura basiliana ad Agerola

Come uso spesso dire, i toponimi sono dei “monumenti verbali” che – proprio come i monumenti di tipo architettonico – sono lì a ricordarci fatti, cose e persone di un passato per altri versi scomparso, cancellato. Caso emblematico, ad Agerola, … Continua a leggere

Pubblicato in Senza categoria, Storia locale, Toponomastica | Contrassegnato , , , , , | Lascia un commento

Perché Vettica si chiama così.

Nella toponomastica attuale della Costa d’Amalfi ricorre due volte il nome Vettica: V. Minore – che è  frazione del comune di Amalfi – e V. Maggiore, che è  frazione di quello di Praiano. Nei secoli della cosiddetta Repubblica Marinara, le … Continua a leggere

Pubblicato in Toponomastica | Contrassegnato , , , , , | Lascia un commento

La vendemmia del mezzadro nel  Duecento. Norme, attrezzi e operazioni con le parole di una antico contratto.

Trovandoci in tempo di vino novello (a proposito: prosit!), voglio parlarvi di una pergamena dei primi del Duecento il cui testo si trova trascritto nel volume di Catello Salvati e Rosaria  Pilone “Le pergamene del Fondo Mansi” (Centro di cultura e … Continua a leggere

Pubblicato in Natura, Storia locale, Voci del nostro dialetto | Contrassegnato , , | Lascia un commento