Archivi tag: ducato di amalfi

Le faggete dei Monti Lattari non bastarono ai carpentieri navali dell’antica Amalfi.

  Intorno al 1985, quando scarpinai a lungo sui monti Picentini per ricostruirne l’evoluzione tettonica e geomorfologica, perlustrai anche, insieme alla compianta collega Paola Romano, l’articolato versante nord del Monte Polveracchio (1790 m s.l.m.), grosso massiccio calcareo che si allunga … Continua a leggere

Pubblicato in Senza categoria, Storia locale, Toponomastica | Contrassegnato , , , , , | Lascia un commento

Il toponimo Marone risale a quando Agerola era il granaio di Amalfi.

Riguardo all’etimologia del toponimo Marone ho recentemente scoperto che esiste un documento medievale a mio avviso decisivo. Mi riferisco alla pergamena del 27 maggio 1258 che si ritrova trascritta come documento numero CCCLVIII nel Codice Diplomatico Amalfitano di R. Filangieri (vol.2, Trani 1951, p. 105 e seguenti) [1 ]. Continua a leggere

Pubblicato in Cognomi agerolesi, Storia locale, Toponomastica | Contrassegnato , , , , , , , | Lascia un commento

I Gallo e Li Galli.

Un’antica casata agerolese e il toponimo che la ricorda. 1 Introduzione Sull’origine e sul significato  del cognome Gallo, che  per frequenza occupa il sesto posto tra i cognomi italiani, vi sono varie ipotesi o, per meglio dire, possibilità, visto che … Continua a leggere

Pubblicato in Cognomi agerolesi, Senza categoria | Contrassegnato , , , , | Lascia un commento

La proprietà e il possesso. I rapporti tra proprietari terrieri e contadini in un contratto del 1104.

Nel corso del Medio Evo, ad Agerola come nel resto del Ducato di Amalfi, era notevole la percentuale di territorio che apparteneva a monasteri e chiese. Affinché tali proprietà producessero quelle rendite annue atte a garantire il sostentamento del clero … Continua a leggere

Pubblicato in Storia locale, Tradizioni | Contrassegnato , , , , , , , , | Lascia un commento

Quando i castagneti da frutto dominavano il paesaggio agrario.

Tra le mille indicazioni che possono trarsi dall’esame del Regio Catasto Onciario di Agerola (compilato nel 1752) una riguarda la distribuzione degli usi del suolo dell’epoca. Esaminando le oltre 400 “rivele” dei capifamiglia, nonché quelle degli enti ecclesiastici (chiese, monasteri … Continua a leggere

Pubblicato in Natura, Storia locale, Tradizioni, Voci del nostro dialetto | Contrassegnato , , , , , , , , , , | Lascia un commento